mercoledì, Giugno 23, 2021

Unreal City

Non sono stati proprio mesi eccezionali per i musei, in Italia e nel mondo, con la pandemia che ne ha chiusi molti e ha costretto i superstiti a limitare notevolmente i visitatori. Ma il mese scorso a Londra è stata esposta una nuova mostra d’arte e non erano richieste prenotazioni o maschere.

Unreal City era una mostra d’arte in realtà aumentata presentata da Acute Art e Dazed Media. L’evento si è svolto lungo la riva sud del Tamigi, con 36 diverse “sculture” che i visitatori potevano vedere solo attraverso un’app per smartphone. 

Ecco come funzionava: boe rosse poste lungo il fiume indicavano le posizioni delle opere d’arte digitali. I visitatori dovevano installare l’app Acute Art sui loro telefoni e puntando i loro telefoni verso l’area intorno alle boe, vedevano apparire le sculture digitali.

L’esposizione non seguiva un tema particolare. Tra gli artisti il norvegese Bjarne Melgaard, il cinese Cao Fei, l’argentino Tomas Saraceno, la tedesca Alicja Kwade, l’americano KAWS e molti altri.

“Voglio usare la realtà aumentata per modellare le connessioni emotive tra gli umani”, ha detto Fei ad AnOther. “La realtà aumentata può rievocare ciò che è accaduto in passato e fornire un’alternativa alla realtà a tempo indeterminato”.

AR è un mezzo pieno di potenzialità per l’espressione artistica. Una delle sue caratteristiche principali è che può essere “in mostra” quasi ovunque, a chiunque abbia uno smartphone. Ciò sembra particolarmente rilevante durante una pandemia, quando stiamo cercando di non avere intorno a molte persone in spazi chiusi, ma a pandemia coclusa l’AR resterà ancora un modo entusiasmante per democratizzare l’accesso all’arte.

Come ha affermato il curatore della mostra Daniel Birnbaum, “Questo è un assaggio di un modo completamente nuovo di comunicare l’arte, rendendo l’arte disponibile a un pubblico molto vasto“.

Il pubblico potenziale per Unreal City è ancora più ampio ora, poiché la mostra è stata estesa e resa disponibile agli spettatori da casa; fino al 9 febbraio, si può scaricare l’app e posizionare le sculture digitali nei nostri salotti.

“Stiamo cercando di … realizzare idee che gli artisti hanno e che non potrebbero realizzare con mezzi più tradizionali”, ha detto Birnbaum. “In un secolo vengono spesso introdotti uno o due nuovi mezzi. AR e VR rappresentano i primi nuovi mezzi artistici di questo secolo, quindi ovviamente gli artisti sono interessati “.

Related Articles

Latest Articles